WELCOME TO THE KING OF THE WIND

BENVENUTI A NIZZA di SICILIA!
“Terra del vento e del nuovo Re del Freestyle Italiano.”

La scelta di fissare a Nizza di Sicilia lo stop degli Assoluti Nazionali di Freestyle, validi per il titolo Italiano della disciplina di windsurf più diffusa al mondo, è risultata essere la mossa più vincente di tutte.   Prima d’ora infatti, non si era mai riusciti a disputare due tabelloni double elimination completi per un totale di quasi 100 batterie, (traduzione per i meno competenti: sono circa 1000 minuti di competizione pura, al massimo delle condizioni) neppure mettendo insieme tutte le tappe di campionato Italiano degli ultimi due anni.  





La seconda scelta vincente è stata quella degli organizzatori Alessandro Scardilli e Giuseppe Di Falco responsabili del Team I-work e del negozio Spin out Action di Catania che hanno preparato un set all’altezza del Campionato, con musica, beach entertainment e deliranti feste, non chiedetemi come gli atleti siano riusciti a competere di giorno e distruggersi di party la notte perché non me lo so ancora spiegare.  Sarà quasi sicuramente l’adrenalina che questo posto ti mette addosso, quando la mattina ti svegli con la faccia ancora nella sabbia, e guardando il mare ti accorgi che il termico sta spazzando tutta la costa lungo lo stretto.   Un mix perfetto tra competizioni e feste hanno dato a questo evento una filosofia molto particolare che si può definire con una parola sola: FREESTYLE.  
La terza è senz’altro la sorprendete abbondanza di spot ventosi, custoditi gelosamente dai pochi locals che praticano il windsurf in questa regione  meravigliosa e che tappezzano la ventina di chilometri di costa che vanno da Nizza di Sicilia fino a Messina.  Lago di Garda comincia a tremare!
Ed infine a conti fatti è stata una scelta vincente anche per tutti gli atleti intervenuti a questa manifestazione, dieci giorni tra competizioni accreditate con il massimo di punteggio, di montepremi e di divertimento puro.    

Ma entriamo nella sostanza dell’articolo, il vivo della competizione, quella per cui i migliori atleti italiani di questa specialità si sono ritrovati nel deep down south Sicilia: Gli Assoluti  Nazionali di Freestyle.  Questa non è una gara qualsiasi, è l’unica competizione che  permette di fregiarsi del titolo di Campione italiano di freeetyle; e dopo quasi un centinaio di scontri man to man (diretti) e di battaglie alla performance più impressionante, il titolo 2004 è andato al campione che più di tutti ha spinto e promosso lo sport windsurf in Italia e all’estero, l’atleta romano Raimondo Gasperini (Drops – Hot Sails).  La sua è stata una gara molto fluida con batterie sempre precise e di altissimo livello tecnico e spettacolare.  Inizialmente non era di certo il favorito per la scalata al titolo,  prima di lui ambivano alla prestigiosa carica tutti i giovani freestyle young guns Milanesi tra cui Matteo Guazzoni (RRD – Simmer) numero uno del ranking europeo, Federico La Croce (Naish – Hot Sails), Fabio Calò (Tabou – Gun Sails) e anche il suo diretto rivale Andrea Rosati (RRD – NP) appena di ritorno da una brillante performance nella tappa EFPT in Germania dove si è qualificato terzo, solo alle spalle di due dei più accreditati atleti PWA (Coppa del mondo), Kevin Mevissen (JP – NP)  e Tonky Frans (F2).   Ma a dispetto dei pronostici  Gasperini è riuscito, con una determinazione degna solo di un grande campione, a scalare vincere la finale del primo tabellone proprio con il suo più diretto rivale Andrea Rosati e nella finalissima lo scontro diretto con un agguerritissimo La Croce che gli ha dato battaglia fino all’ultimo spock.  

The Report      
Non si è perso di certo tempo; questa volta, dopo il primo giorno passato tra iscrizioni e warm ups, si decide di muoversi sullo spot più ventoso dello stretto e più precisamente a Tremestieri uno posto dove regnano solo il mare il vento e la sabbia… e da oggi anche gli atleti della King of the Wind che nel giro di pochi minuti hanno completamente disorientato un paio di pescatori di ritorno da una dura nottata di pesca sullo stretto.  Ci siamo le batterie sono  partite, il vento fa esplodere la cinque dalle mani, gli atleti si mettono in sincronia con il difficile chop del mare e sullo sfondo della scenografia una  Calabria che sembra distare a quattro bracciate…Cinque ore di gara ininterrotta, ma infine si decreta Gasperini come vincitore dell’estenuante giornata.
The day after si rimane a Nizza di Sicilia perché le condizioni sono semplicemente perfette, ed è solo la riconferma dell’eccellente prestazione di Raimondo, che nella seconda finale sconfigge in un duello molto serrato la carica al trono di Federico La Croce aggiudicandosi così il primo double elimination dell’evento.  
Ma i giochi sono appena cominciati, e si da il via al secondo tabellone che conquista ancora l’ormai inarrestabile Raimondo Gasperini con performance sempre più stilose e spettacolari.  Altri grandi prestazioni di questa prima fase del tabellone sono state eseguite da Michele Francisi (AHD – NP) con delle Flaka impressionanti quasi completamente aeree, e da Andrea Ghione (YES) che nel secondo round riesce a mandare Andrea Rosati nel girone loosers.
I giochi sembrano ormai conclusi, La Croce è l’atleta che riesce per la seconda volta a conquistare la finale con Gasperini, ma ancora una volta con una determinazione quasi aliena, Raimondo spedisce Federico nel looser round.    
Si ricomincia dai looser, e tra qualche batteria annullata per vento molto incostante si riesce a progredire fino agli ottavi del double.  Mancano solo otto scontri diretti per terminare anche il secondo double elimination e le condizoni per l’ultimo giorno di gara non sembrano promettere bene…
Convocazione generale dei locals per un aggiornamento sulle condizioni degli altri spots: “A Scaletta c’è sempre vento e oggi sono usciti con la 4,7!” proferisce Beppe, il fotografo surfista locale del posto.
Si parte per un sopraluogo immediato.   Meno di dieci minuti e siamo sullo spot,  proprio al centro del paese, una spiaggia pulita con alle spalle il grande muraglione della ferrovia che lo arreda di un look un leggermente underground.   Sono ormai le 6 del pomeriggio il vento è leggero ma scivola ancora costante su un mare completamente liscio, gli atleti si buttano in acqua e nonostante i pochi nodi riescono comunque a planare.  Ormai è deciso, l’ultima fase di eliminazione si disputerà domani mattina in questo posto.  

Skippers meeting ore 9:00
E’ l’ultima giornata, e Scaletta non poteva essere baciata da condizioni migliori.   Alle 9:45 si da il via alla prima batteria che vede scontrarsi Andrea Rosati e Matteo Guazzoni, reduce da una nottata “non stop open bar” partorita dalla mente di Alessandro Scardilli, ma condizionata e corrotta anche dagli squilibrati influssi dello speaker e alround entertainer Luca Gentilini, con il risultato di aver portato al massacro l’intera flotta di atleti già alle dieci di sera.  
Si plana con la cinque ed il vento sembra aumentare ogni minuto.  
Rosati parte in quarta con un energia incredibile e dopo una routine molto varia e completa sigillata da forward in planata e speed loop one hand passa il difficile turno.  Vento sempre più potente, le cinque sono cazzate al massimo, e per la sua heat contro Michele Franciosi, Andrea Ghione (probabilmente ancora in preda ai fumi dell’alcool) che fa?  Monta la 5,7…
Michele Franciosi passa il turno con una Chacho switch e un Flaka diablo.    
Ora è il momento dell’incredibile rimonta di Andrea Rosati che vince una heat dietro l’altra e battendo Franciosi, Calò e La Croce si trova nuovamente faccia a faccia con il diretto rivale Raimondo Gasperini.  E’ un testa a testa incredibile i due si misurano manovra su manovra, ma è Rosati ad avere la meglio per due finali consecutive e così si aggiudica il secondo Double.  
Tempo di tornare a Nizza di Sicilia e di preparare un altro tabellone.
Ma il vento nel pomeriggio si prende una “meritata” pausa decretando  così Raimondo Gasperini  Campione di Freestyle Italiano 2004.

The National Ranking 2004

1       Raimondo Gasperini  (Drops – Hot Sails)
2       Andrea Rosati         (RRD – NP)
3       Federico La Croce    (Naish – Hot Sails)


Campionato EFPT Eurocup

La manifestazione continua con la tappa del Campionato EFPT Eurocup Grande Slam. Dal 7 all’11 luglio i migliori atleti provenienti da tutta Europa si sfideranno sempre qui nella splendida Nizza di Sicilia, contendendosi un montepremi di 20.000 euro: davvero niente male. Insieme ai surfisti saranno protagonisti anche altri grandi personaggi, come il pluridetentore di Guinness dei Primati di Bike Trial, niente meno che Walter Belli; o come il mitico Ringo della trasmissione radiofonica “Ringo for President” di rete 105.

King of the Wind è anche night life
·        Venerdi 9: Elezione di King & Queen of the night, Miss Bikini, Miss Maglietta bagnata, VODKALIMBO competition, esibizioni di Walter Belli (due volte Guinness dei Primati di Bike Trial)
·        Sabato 10: Special Guest Ringo direttamente da “Ringo for President” di Rete 105, esibizioni di Walter Belli

Domenica 11
Premiazione dei vincitori del Campionato Europeo ed Italiano di Windsurf freestyle, festa conclusiva di King of the Wind all night long, dj rotation, videoproiezioni, esibizioni di Walter Belli

Pin It

Commenti e reazioni su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per contrastare la mole di spamboot che tentano di registrarsi, ti chiediamo di ricomporre l'immagine che vedi qui sotto come se fosse un puzzle. Grazie per la comprensione, freestyler.itWordPress CAPTCHA


Loading Facebook Comments ...

No Trackbacks.