Test Nitro T1 Color 156 2007

Rider: Abba, 1,75; 61 kg.

Attacchi: Burton Idiom

Boots: Salomon F22

Stance: +18, -12, passo 55, centrato sulla boccolatura.

Condizioni neve: compatta invernale con pochi sprazzi di fresca

Ho avuto la possibilità di testare questa tavola in occasione del nostro recente snowcamp di Cervinia.



La T1 si presenta con uno shape twin vero e proprio con punta e coda molto corte e basse e con un setback di 1 cm.; la larghezza al centro di 25 cm. (per il 156) permette di starci senza problemi anche con un 10,5. La costruzione è il classico sandwich di casa Nitro e la tavola risulta abbastanza leggera. Il flex longitudinale è medio-morbido e anche la torsione è abbastanza morbida; questa combinazione risulta ottimale, permettendo un ottimo feeling e stamperando quanto basta il carattere della sciancratura triprogressiva: la permissività torsionale la rende meno aggessiva e legata ai raggi della sciancratura stessa ed anche più facile in fakie.

Unaltra dote di questo mezzo -sempre dovuta alla torsione- è la grandissima possibilità di recupero degli errori, anche quando oramai vi sembra che nessuno vi potrà salvare da quel controlamina.

Trattandosi di un attrezzo specifico per il freestyle, con queste caratteristiche non poteva che dimostrarsi estremamente divertente nei flat tricks, dove le combinazioni di nosepress, tailpress, rotazioni -e chi più ne ha più ne metta- diventano facilissime; nonostante ciò la T1 si comporta molto bene anche in pista (probabilmente anche grazie al tuning perfetto a cui sono state sottoposte tutte le tavole Nitro che avevamo in test) con un buon comportamento sia in forward che in fakie. Anche la soletta Redline si è comportata molto bene, pur essendo estrusa.

Insomma, un mezzo veramente divertente,che si è dimostrato ben al di sopra di quelle che erano le mie aspettative. Immagino che però vi stiate chiedendo dovè la fregatura…in effetti qualcosa che non torna cè: lo shape, troppo orientato al freestyle. Punta e coda così corte e basse sono estremamente penalizzanti non appena si mette il naso fuori dalla neve battuta: non galleggia (anche se si tratta di poca neve fresca) a meno di stare molto indietro con il peso; si potrebbe giocare sullarretramento degli attacchi, ma a questo modo si perderebbe il divertimento che deriva dallutilizzo della T1 con lo stance centrato. A mio avviso è un vero peccato, perchè ci si rende conto (per la risposta del flex in fresca) che se non fosse così ci si troverebbe davanti ad un freestyle allmountain che potrebbe dare filo da torcere a tavole ben più blasonate e costose e regalare grosse soddisfazioni in tante situazioni.

Ultima nota: il prezzo di soli 390 € ne fanno un vero best buy!

Pro: combinazione di flex, torsione e sciancratura, recupero errori, flattosa, conduzione

Contro: shape troppo freestyle, inutilizzabile fuori da pista e park

Indicata per: i maniaci del park e del jibbing e per chi vuole progredire in freestyle

Pin It

Commenti e reazioni su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per contrastare la mole di spamboot che tentano di registrarsi, ti chiediamo di ricomporre l'immagine che vedi qui sotto come se fosse un puzzle. Grazie per la comprensione, freestyler.itWordPress CAPTCHA


Loading Facebook Comments ...

No Trackbacks.