TEST: Drake SuperSport 2006

Ho testato questi Drake nel park di S. Pellegrino con boots Nitro Team 2003 e tavola Capita Unorthodox 2005

Premetto che gli attacchi da me provati erano una taglia Large e che i miei boots (taglia 28 mp, 42 2/3 eu) ci stavano dentro quasi incastrati e solo con larchetto tutto spostato indietro. Spero che ci sia anche la taglia extralarge.

Ieri, 28/03 pasquetta 2005, sono andato al park di passo S. Pellegrino con questi attacchi test. Hanno delle straps parecchio imbottite e larghe. In particolare le toe straps sono ampie e parecchio morbide. La loro forma particolare permette di usarle anche quasi come cap straps semplicemente spostando la fascia un po più sulla punta e stringendo bene.
Le ankle straps sono parecchio imbottite e molto morbide, fatte in una piacevole similpelle.
Laccoppiata boots attacchi direi che è stata molto buona: gli scarponi venivano bloccati molto bene e la sensazione di comfort era direi buona. Soltanto per evitare di sentire male al piede dovevo mollare un po le straps dellattacco anteriore durante la risalita, però ad inizio discesa potevo stringere allinfinito e non sentivo mai male.

Interessante lidea del gaspedal regolabile, tra laltro rivestito di un metallo forato che fa molto tamarro, integrato nel coperchio che copre il disco con le viti. belli i cricchetti in alluminio anche se quando si esagera un po a stringere tendono a "sgranare" sulla fascetta. Comodo e preciso lo sgancio.

Gli attacchi si presentano come un puro attacco freestyle, li ho sentiti molto morbidi con una responsività molto smorzata, ma questo forse è dovuto anche alla tavola che ha molta torsione. In ogni caso lo spoiler non troppo alto è decisamente morbido anche provando "a mano". Al contrario la base mi è sembrata abbastanza rigida in confronto.

Per luso che ne ho fatto, esclusivamente park con bank, rail, jumps e un po di flat triks e su neve decisamente papposa, direi che si sono comportati molto bene, però per le mie caratteristiche (non sono propriamente un fanatico del park) non li comprerei mai: devono essere poco indicati per fare del sano freeride ma anche solo per fare un freestyle "preciso" su neve vera o qualche curvone in conduzione su neve dura.

Un difetto fastidioso che ho notato sono state le viti: quasi perdo le straps sulle punte perchè le viti in poche ore si sono quasi completamente allentate nonostante le avessi controllate e strette bene la sera prima.

In conclusione: un buon attacco freestyle se si preferisce una risposta morbida ad una reattività immediata. Lo sconsiglio vivamente ai freerider e a coloro per i quali una pronta risposta agli stimoli è tutto. Peccato per quelle viti che si mollano…

Pin It

Commenti e reazioni su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per contrastare la mole di spamboot che tentano di registrarsi, ti chiediamo di ricomporre l'immagine che vedi qui sotto come se fosse un puzzle. Grazie per la comprensione, freestyler.itWordPress CAPTCHA


Loading Facebook Comments ...

No Trackbacks.