Nitro MISFIT 06

Peso: 75Kg
Altezza: 175cm
Livello di riding: medio
Tavola: Nitro Misfit 158.6 06
Attacchi: Nitro Blackhawk 06
Scarponi: Nitro Team 03
Setback: 1cm (oltre quello standard)

Il primo impatto con questa tavola non è stato dei più felici: provenivo da una giornata con la Team e questa è decisamente diversa e più impegnativa, subito non mi ha dato un buon feeling. Poi però lho tenuta tutti e due i giorni rimanenti di camp…

Tralascio le sensazioni al tatto per passare subito a quello che ho sentito "ai piedi". Ancora prima di prendere la prima seggiovia ho la sensazione di avere preso una tavola bella tosta: i press che con la Team mi riuscivano ampi e facili con questa non riesco quasi a farli, mi serve un sacco di potenza in più per alzare la tavola di pochi centimetri. Poi la prima discesa: un disastro! Da un sacco di tempo non provavo una tavola con sciancratura triprogressiva e quasi non riuscivo a concatenare una curva dietro laltra nè riuscivo a condurre in modo decente. Non parliamo poi del fakie!! Resto un po tranquillo per qualche pista, mi accontento di qualche curva. Man mano che inizio ad acquisire maggiore feeling e che la capisco mi rendo conto che tutto sommato è bella stabile anche a velocità medioalte e la sciancratura, una volta capita, permette anche di condurre curve ampie e veloci. Comincio a divertirmi e quindi mi spingo un po oltre. I flat triks non sono così impossibili come mi era sembrato. Certo, la tavola non è fatta proprio per questo, ma permette delle buone evoluzioni pur dovendo costantemente tenere docchio il pericolo controlamina: ho preso diverse culate mentre con la Team quasi non sapevo che fossero. Questo credo sia dovuto principalmente alla rigidità torsionale che non è delle più blande e quindi una volta che la lamina si impunta sei spacciato, salvo rocamboleschi salvataggi.
Il pop è quello tipico delle Nitro di medioalta gamma: non è troppo violento ma è bello sostenuto, permette di ottenere delle buone elevazioni senza dover spingere troppo sulle gambe. Ovvio, essendo discretamente rigida lollie deve essere deciso altrimenti manco si flette la tavola, soprattutto per i pesi leggeri. Io con i miei 75Kg credo di essere stato nel giusto mezzo del ragne di peso della tavola usata, forse un po verso il basso e soprattutto allinizio ho dovuto lavorare bene di gambe per piegarla come si deve. Una volta assimiliata però tutto diventa più facile. Ad un ollie deciso corrisponde un altrettanto deciso atterraggio: dà un ottimo sostegno e resta decisamente stabile, purchè il jump venga chiuso discretamente pulito visto che spesso non perdona imprecisioni troppo grossolane.
Una cosa che mi ha sorpreso è stato il suo comportamento in fresca: ha un nose abbastanza pronunciato e questo favorisce decisamente il galleggiamento, non serve essere per forza a palla per non impuntarsi anche se ovviamente una certa velocità è necessaria. Poi io lho usata con 1 cm di setback in più di quello della casa, (quindi con un totale di 2 cm) il che sicuramente mi ha avvantaggiato in questo ma dubito che quel cm abbia inciso più di tanto.
Poi il discorso sciancratura: ormai è leterno dilemma della triradiale nitro, se in forward è una figata perchè ti permette di decidere quando chiudere maggiormente la curva senza perdere la conduzione e accelerando in uscita di curva dandoti così la possibilità accentuare lo spin nelle rotazioni, in fakie ti costringe a dover imparare a surfare in un altro modo. Decisamente non è facile, almeno per me che il fakie non lo mastico per niente bene. Ma sono cose delle quali si parla e si discute da quando è nata questa tipologia di sciancratura: o la si ama o la si odia, chi dice che è troppo complicata da usare bene e chi dice che ha delle potenzialità mostruose. Ognuno tragga le sue conclusioni.

Che dire quindi di questa misfit? E sicuramente un freestyle tecnico, non di quelli faciloni e smollacciati, consigliato a chi già sa andare e vuole una tavola che sia almeno un po impegnativa e che richieda un minimo di concentrazione per surfare: lei appaga con unottima stabilità e lassenza di sbacchetamento in velocità (fino ad un certo punto ovviamente, è pur sempre un freestyle). Ah, se non fosse stato scritto sul catalogo non mi sarei mai accorto che avevo sotti i piedi un twin tip, mi son sentito semplicemente sopra unottima tavola allmountain con delle ottime potenzialità freestyle

Pin It

Commenti e reazioni su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per contrastare la mole di spamboot che tentano di registrarsi, ti chiediamo di ricomporre l'immagine che vedi qui sotto come se fosse un puzzle. Grazie per la comprensione, freestyler.itWordPress CAPTCHA


Loading Facebook Comments ...

No Trackbacks.